La stampa 3D è l’evoluzione del calcio balilla?

Che la stampa 3D sia sinonimo di personalizzazione è cosa nota. E dunque non stupisce che essa trovi sempre più applicazione nel mondo dei giochi; tempo fa avevamo visto una breve carrellata di esempi tratti dal mondo del modellismo, un settore in cui la stampa 3D si unisce armoniosamente con le schede elettroniche di ultima generazione.

Oggi invece parliamo di un qualcosa di più “classico”: il calcio balilla. Gioco amatissimo qui in Italia, ma l’idea di personalizzarlo con la stampa 3D è venuta ad alcuni Makers di Shangai ed Hong Kong.

L’idea è tanto semplice quanto geniale; scannerizzare i volti di persone reali e stamparli in 3D, per poi applicarle sui corpi dei calciatori.

E viene spontaneo immaginare i possibili sviluppi di questa pratica: in un futuro non troppo lontano potremmo venire a sapere che alcuni campioni famosi si sono fatti scannerizzare il volto e messo online il file tridimensionale, cosicché chiunque possa scaricarlo, stamprlo e ritrovarsi a giocare con Messi, Neymar e Suarez in attacco…ah già, ma quei tre giocano già insieme nel mondo reale.

Ma dopotutto, perché porsi limiti? Magari qualche appassionato di storia potrebbe optare per un tridente offensivo composto da Platone, Aristotele e Giulio Cesare, o magari attori o personaggi famosi in tutt’altri campi.

E, ovviamente, ci sarà chi non resisterà alla tentazione di schierare sé stesso in campo. Meglio se sfoggiando bicipiti e addominali scolpiti; del resto, se tutto il giocatore può essere stampato in 3D, perché limitarsi a personalizzare solo la testa?

Credits: http://www.3ders.org/images2015/%E2%80%8Bchinese-retail-lab-creates-custom-foosball-players-3d-scanning-printing-00004.jpeg

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento