MrNone, il giocattolo Open Source stampato in 3D

Quello dei giocattoli è un ambito in cui la stampa 3D può creare scenari molto interessanti; ne sa qualcosa Gianfranco Pulitano, Maker fin dall’infanzia e co-creatore di MrNone, un “giocattolo Open Source”.
Ecco cosa ci ha raccontato di sé e del progetto.

1. Allora, parlaci un po’ di te. Di cosa ti occupi nella vita?
Mi chiamo Gianfranco Pulitano e se mi chiedi di cosa mi occupo nella vita… Potrei definirmi un Maker, Designer e New Media Artist. Tutte queste parolacce per dire semplicemente che continuo a inventare “cose”, come facevo da bambino, ma con la differenza che ora vengo retribuito per farlo.

2. Com’è nato il progetto MrNone, e quali obiettivi si pone?

Tengo a precisare che è il progetto è si nato da una mia idea iniziale, ma si è sviluppato grazie all’aiuto e alla collaborazione di Daniela D’Andrea (Digital Artist e insegnante d’arte) e Daniele Morganti (Street artist, Grafico e Illustratore). Il loro aiuto e la loro collaborazione è stata fondamentale per la realizzazione del brand, del sito e in generale del “concept” alla base di esso.

This content is blocked. Accept cookies to view the content.

Full Body Mr None Mini
by MrNoNe
on Sketchfab

Il progetto MrNone (vedi sito web) nasce inizialmente per passione, dato che tutti noi soci fondatori amiamo l’arte, il fai da te e sopratutto la didattica. Cercavamo il modo di mettere insieme tutto questo per creare un qualcosa che fosse gratuito, divertente e che permettesse ai giovani di imparare e al tempo stesso divulgare le proprie competenze.
Il nome del progetto (“Signor Nessuno”) è alla base del concept che è l’obiettivo del progetto stesso; implica il bisogno da parte dell’utente di dare un’ identità ad un giocattolo che ha come base un corpo neutro e un papillon come elemento caratterizzante (cioè il mister!).

cmn_07

Gli obiettivi sono tanti, ma quello fondamentale è creare una community di ragazzi che ci metta la propria creatività e si diverta nel dare una identità al “Signor Nessuno”, in modo che possa essere un giocattolo che si evolve e si modifica nel tempo grazie agli stessi utenti.
Concretamente il progetto è nato all’interno del FabLab Messina di cui noi tre siamo stati anche soci fondatori. Lì abbiamo potuto stampare i primi prototipi, e adesso speriamo che anche altri FabLab in tutto il mondo adottino il Toys permettendo ad artisti e Designer di liberare la propria creatività dandogli una identità!

This content is blocked. Accept cookies to view the content.